9 giugno 2008

Ancora cervi?!

Devo ammettere di essere diventato piuttosto monotono negli ultimi tempi, almeno per quanto riguarda argomenti e foto nel blog, tanto che ormai potrei cambiarne il nome in "Cervi della Val Limentra". E a volte mi chiedo se una sana passione non si stia trasformando in una malattia incurabile. Poi però esco presto la domenica mattina per i boschi del parco dei laghi e incontro altre persone armate di macchina fotografica che scrutano attentamente ogni angolo nascosto al bordo delle radure per individuare qualche animale da immortalare (vero Alessandro e Paolo?).
E nel pomeriggio faccio una breve visita alla festa di primavera di Bargi (un bel borgo ricco di storia sulla sponda destra del lago di Suviana) e trovo la presentazione di un bel libro che guardacaso ha per titolo "I cervi del monte di Badi", scritto da Enzo Berzieri; in una saletta affollata ha raccontato il suo amore per la montagna, la sua acqua pura, i suoi animali, i suoi ritmi così diversi dalla città e ha letto alcune delle 24 brevi storie che compongono il suo libro. Storie di animali, di cacciatori, ma soprattutto di rispetto e ammirazione per la natura, cosa alquanto rara, purtroppo, tra i seguaci di S.Huberto.
E così alla fine della giornata mi rendo conto che in fondo sono stato colpito da una "sana malattia" che però mi pare abbia contagiato già un sacco di gente, almeno dalle mie parti.










Nessun commento: